foto green squadra2

Cari ragazzi, cari coach,


a nome di tutti i dirigenti, mi complimento per il campionato appena terminato in modo brillante. Il terzo posto è un risultato di assoluto prestigio, primi tra le quattro palermitane, abbiamo messo alle spalle corazzate che hanno ben altra organizzazione e budget: BRAVI!!!
Un grazie ai coach che hanno dato un’impronta indelebile al Vostro percorso.”

Queste le parole del Presidente Fabrizio Mantia, rivolte agli atleti, al termine del campionato.

Per la prima volta i giovani Green approcciano in eccellenza, un campionato che incute nei giovani atleti una sorta di timore reverenziale, nel dover affrontare giocatori e squadre già rodate in campionati nazionali.
La società è ottimista, ha la consapevolezza di aver ben lavorato negli anni e ritiene di avere un gruppo di ragazzi all’altezza della situazione e per di più affidata all’abile ed esperto maestro Franco Lanfranchi.
Si parte a settembre, con grande grinta e metodi di preparazione innovativi, frutto del sempre aggiornato Franco, il quale, per riuscire a “reggere il ritmo e l’intensità dei giovani atleti” si avvale della collaborazione di Nenad Zaric  e Lorenzo Mancino.
La squadra è incompleta, mancano almeno un paio di lunghi, presenti in tutte le altre compagini, ma ha tante qualità da fare crescere ed emergere.
Il campionato parte con una sconfitta maturata negli ultimi tre secondi, una tripla ribalta una vittoria quasi meritata, giocata più con l’emozione che con la testa.
E quindi? Si lavora ancora più intensamente, il gruppo cresce in tecnica individuale e nel gioco di squadra, di conseguenza arrivano anche i risultati.
Si difende forte e si attacca quasi bene, i coach devono ancora fare abbandonare gli individualismi, non più premianti a partire da queste categorie, e fare crescere i ragazzi attraverso il gioco di squadra.
Dopo varie soddisfazioni i ragazzi prendono consapevolezza dei propri mezzi ed i coach, ai quali si aggiunge  il buon Maurizio Giordano, in sostituzione di Nenad rientrato in patria, proseguono nel loro lavoro, consapevoli della bontà del risultato. Certo, il cambio porta un po’ di disorientamento ai ragazzi che impiegheranno qualche settimana per tornare a regime. Maurizio, in affiatata sintonia con il maestro, alza l’asticella degli obiettivi, si vuole arrivare terzi e prima delle palermitane.
Sono più gli alti che i bassi, ogni tanto i “cervelli si spengono”, qualche scivolone e partite giocate con scarsa concentrazione, ma come nella vita di tutti i giorni, gli errori, se correttamente metabolizzati, sono il “sale” della crescita.
Crescita che viene coronata con la superlativa vittoria sul Trapani, formazione completa, collaudata, con diversi centimetri in più e varie individualità di spicco.
Il bilancio della stagione è sicuramente positivo, lo staff tecnico ha la consapevolezza che tanto si è fatto, ma con questo gruppo di ragazzi ancora tanto si deve fare, il bello viene adesso!!!
Essere presenti fisicamente e, soprattutto, mentalmente agli allenamenti, allenarsi con intensità, impegno, abnegazione. Se si vuole diventare giocatori di basket… la stagione non è finita qui.
Un piccolo rammarico: il gruppo, particolarmente numeroso, ha limitato gli spazi di alcuni ragazzi nelle partite, altrettanto meritevoli, ma la società sta già lavorando affinché, questi ragazzi, dal prossimo anno, possano giocare con continuità.
Si ringrazia dunque l'impegno costante di tutti i nostri ragazzi e si augura loro un grande in " bocca al lupo" per la loro futura crescita nel mondo del Basket, in ordine nella foto e partendo da sinistra: Messana Mattia, Sorce Massimo, Biondo Giorgio, Puleo Riccardo. Vitale Simone. Ramil Howard, Scarpulla Cesare, Perricone Guido, Barbarossa Francesco, Perricone Gabriele,
Zingale Francesco, Artioli Carlo Giulio (cap.)
assenti : Artioli Edoardo, Anello Marco, Cinà Davide, Ciacciofera Antonio e Vittorio Naselli.
 
GRAZIE!!!