Serie B News

 

Tutte le notizie riguardanti la prima squadra Green Basket. Guarda anche le videointerviste su Green Basket TV.

uno spento Green cede al Mazara

turiBasket Mazara - Green Basket Palermo 78-53 (29-12, 19-16, 13-8, 17-17)

Basket Mazara: Gilante, Gustavo Degregori 18 (5/7, 2/5), Bruno 13 (2/4, 3/7), Gullo 16 (3/4, 3/11), Naso 11 (2/5, 2/8), Salvadori 13 (3/4, 1/2), Rizzo 4 (2/3), Pisciotta 3 (0/2, 1/1) N.E.: Luis Marengo, Marrone
Tiri Liberi: 8/14 - Rimbalzi: 42 32+10 (Naso, Salvadori 13) - Assist: 9 (Gustavo Degregori 5)

Green Basket Palermo: Guastella 3 (1/2), Muratore 5 (2/5, 0/1), Trevisano 14 (5/7, 0/1), Forzano 3 (0/3, 1/2), Lanfranchi 2 (1/1), Mazza, Provenzano 7 (2/7, 1/2), scancarello, Terrasi 17 (6/14, 1/3), Bontempo 2 (1/5, 0/1)
Tiri Liberi: 8/12 - Rimbalzi: 27 20+7 (Terrasi 8) - Assist: 2 (Forzano 2)

MAZARA. Un brutto Green Basket cade pesantemente al cospetto del forte Mazara. E' stata forse la peggiore prestazione stagionale: una squadra molle, senza intensità, mai aggressiva e mai veramente in partita. La possibile attenuante delle tante assenze regge solo parzialmente: la debacle nasce soprattutto da un approccio alla gara troppo morbido e da un atteggamento passivo sin dalle prime fasi. I verdi, privi degli infortunati Verderosa, Mantia ed Alessandra , devono rinuciare anche all'influenzato Calò; i padroni di casa invece si presentano con Marengo a mezzo servizio, che visto l'andazzo del match non entrerà nemmeno un minuto. Mazara parte subito forte e, grazie ad una straordinaria percentuale al tiro, chiude il primo quarto in vantaggio di ben diciassette punti: sono Gullo, Naso e Bruno a guidare i padroni di casa in questo super-parziale. I timidi tentativi di rimonata del Green sono puntualmente rispediti al mittente: l'ingresso di Lanfranchi e Guastella aggiunge un minimo di verve in più ma non è sufficente a ricucire il gap; nemmeno il positivo esordio di Scancarello riesce a scuotere gli ospiti che pagano le innumerevoli distrazioni difensive, concedendo agli avversari penetrazioni facili e troppi rimbalzi in attacco. Gullo e DeGregori gestiscono bene il vantaggio accumulutato e solo nell'ultimo periodo il Green mostra qualche tardivo segnale di risveglio. Meritano una menzione particolare i numerosi tifosi giunti da Palermo a sostenere i loro beniamini, che hanno incitato dal primo all'ultimo minuto nonostante il punteggio. Prossimo appuntamento è previsto domenica 22 alle ore 18:00, quando al Paladonbosco arriverà Gela, temibile compagine guidata da coach Anselmo.

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo 

Torna a vincere il Green Basket Palermo

Green Basket Palermo - Vis Reggio Calabria 77-72 dts
(21-18, 15-18, 13-21, 20-12, 8-3)

Green Basket Palermo: Muratore 2 (1/3), Trevisano 12 (3/8, 1/3), Forzano 5 (1/3, 1/7), Lanfranchi 1, Provenzano 2 (1/7), Terrasi 24 (10/12, 1/1), Calo' 9 (3/4, 1/4), Bontempo 22 (7/11, 0/3) N.E.: Guastella, Mazza

Tiri Liberi: 13/18 - Rimbalzi: 34 25+9 (Trevisano 12) - Assist: 15 (Forzano 7)

terrasiVis Reggio Calabria: Vozza 17 (4/5, 2/6), Tramontana 8 (3/6, 0/2), Grasso 12 (4/11, 1/2), Barrile 3 (1/2 da tre), Carnazza 26 (4/10, 4/6), Costa R. 6 (0/4, 1/3) N.E.: Costa D., Ielo

Tiri Liberi: 15/22 - Rimbalzi: 33 24+9 (Grasso 16) - Assist: 11 (Vozza 6)


PALERMO. Partita vietata ai deboli di cuore quella disputata al Paladonbosco tra il Green Basket Palermo e la Vis Reggio Calabria. Entrambe le squadre si presentano con diverse defezioni: nelle file dei padroni di casa sono fuori per infortunio Verderosa, Mantia e Alessandra con Mazza a referto solo per onor di firma; gli ospiti invece si presentano a Palermo con solo otto giocatori. L'inizio di gara è abbastanza contratto, sia i verdi che i calabresi vengono da 2 sconfitte consecutive e la posta in palio è molto alta. La partita viaggia in sostanziale equilibrio per i primi due quarti, con le difese poco attente e canestri facili da entrambe le parti. Trevisano e Terrasi riescono a mettere spesso in difficoltà i lunghi avversari, con il secondo che però è costretto ad un minutaggio limitato per problemi di falli; Carnazza riesce sempre a creare problemi per la difesa dei padroni di casa. Il terzo quarto sembra indirizzare il match: i reggini sono più concreti, mettono in difficoltà il Green che non riesce a trovare la via del canestro e sprofonda sino al meno dodici del ventottesimo minuto. Il quarto periodo è una battaglia, le maglie della difesa Green cominciano a chiudersi ed in attacco un pimpante Bontempo guida i suoi alla rimonta. Una bomba di Calò regala il meno due a cinque minuti dalla fine ed ormai la sensazione è che la partita si deciderà solamente al fotofinish. Il quinto fallo di Tramontana è un brutto colpo per gli ospiti, che si ritrovano con il solo Grasso a lottare sotto canestro; ne approfitta Terrasi che riesce a bucare con costanza la retina avversaria. Spinti da un incredibile pubblico i verdi aumentano la pressione ed è Bontempo a siglare il canestro dell'aggancio al trentasettesimo minuto. Con poco meno di un minuto da giocare e gli ospiti sopra di tre punti Bontempo va in lunetta, sbaglia il primo libero con gli ospiti intenti ad agitare le braccia con l'intento di distrarlo; alla pacata protesta di Calò circa questo antisportivo atteggiamento l'arbitro lo sanziona con un fallo tecnico. Il paladonbosco insorge e il clima diventa incandescente, Bontempo segna il secondo libero mentre Carnazza sbaglia entrambi i tiri liberi del tecnico. Il punteggio è 67-69 e la Vis ha il possesso per chiudere la partita: il tentativo di Carnazza finisce sul ferro ma è Grasso a conquistare il rimbalzo e regalare quindi un'altra opportunità ai suoi; a questo punto i padroni di casa sono costretti a ricorrere al fallo e mandano in lunetta Vozza con Terrasi che commette il suo quinto fallo. Il play ospite fallisce entrambi i tentativi e sul possesso successivo è ancora Bontempo a guadagnarsi e realizzare i due liberi del pareggio con 15 secondi da giocare. La grande difesa dei padroni di casa nell'ultimo possesso porta la gara al supplementare, che il Green affronta senza Terrasi e Calò usciti per falli, con Provenzano a mezzo servizio per una leggera distorsione alla caviglia; le squadre sono molto stanche ed è probabilmente la maggiore freschezza dei padroni di casa a consentire ai verdi di portare a casa l'incontro. Trevisano e Bontempo segnano gli otto punti del Green nel supplementare mentre gli ospiti non hanno più benzina e segnano solamente tre punti. Due punti importantissimi per i ragazzi di coach Avellone che la settimana prossima saranno impegnati sul difficile parquet di Mazara.

Ufficio stampa Green Basket Palermo

Green beffato in casa dal Marsala

saragoGreen Basket Palermo - Nuova Pallacanestro Marsala 68-74
(18-16, 15-20,13-18, 22-20)

Green Basket Palermo: Guastella, Verderosa 3 (1/1, 0/1),Trevisano 4 (2/4, 0/3), Forzano 4 (2/4), Lanfranchi, Alessandra 11 (4/4,1/2),Provenzano 6 (3/6, 0/1), Terrasi 16 (7/16), Calo' 19 (1/2, 4/12),Bontempo 5 (0/5, 1/5).

Tiri Liberi: 10/14 - Rimbalzi: 38 25+13 (Terrasi 7) - Assist: 20 (Calo' 6)

Nuova Pallacanestro Marsala: Bagnasco 14 (1/5, 4/6), De Lise 10 (3/7, 0/2),
Petrosino 13 (4/7), Giacalone 7 (0/4, 0/3), Del Vecchio 14 (4/9, 1/1),Bartolo Morana 13 (5/12, 1/4), D'Amico 3 (0/3, 1/3) N.E.: Fazio, Russo,Matteucci.

Tiri Liberi: 19/27 - Rimbalzi: 39 26+13 (De Lise, Del Vecchio 11) - Assist:
13 (Bagnasco, De Lise, Petrosino, Giacalone, Del Vecchio, Bartolo Morana 2)

PALERMO. A due minuti dalla fine con i padroni di casa in vantaggio di due punti viene sanzionata infrazione di passi alla squadra ospite: De Lise scaglia volontariamente la palla verso il tetto, a questo punto logica vorrebbe che questo atteggiamento venga sanzionato: e invece no. Partiamo da questo episodio per raccontare di una partita sensibilmente condizionata da alcune decisioni arbitrali; Marsala passa sul parquet del Green Basket e si porta a casa due punti importantissimi. Si capisce sin dalle prime battute che la partita sarà dura, non mancano scontri di gioco anche oltre il limite del consentito. Le due squadre viaggiano a braccetto per quasi la totalità dell'incontro, con Calò e Terrasi sugli scudi per la formazione palermitana. Un doppio tecnico inventato dal signor Mucella permette agli ospiti di chiudere il primo tempo in vantaggio di tre punti, per il Green oltre al danno la beffa: Verderosa è costretto ad abbandonare il campo per un serio infortunio al ginocchio, Provenzano è costretto a rientrare temporaneamente negli spogliatoi per curare un brutto taglio al mento e Trevisano a uscire momentaneamente dal campo in seguito ad un brutto scontro con un avversario. Gli ultimi due quarti sono molto nervosi, la partita non è bella ma molto combattuta. Il Green reagisce bene ad un parziale marsalese e spinto dal suo pubblico passa da meno otto a più quattro con il cronometro che segna il trentasettesimo minuto, é un grande Alessandra a guidare i ragazzi di coach Avellone in questa rimonta ma,  a questo punto, per il Green Basket si spegne la luce: alcune scelte sbagliate, un paio di sanguinose palle perse, qualche fischio arbitrale parecchio discutibile e la freddezza al tiro degli avversari ribaltano la situazione consegnando la vittoria agli ospiti. Per il Green resta l'amaro per una vittoria a lungo assaporata e sfuggita quando ormai sembrava cosa fatta, per il Marsala due punti d'oro nella corsa ai playoff. Prossimo appuntamento per i verdi è previsto domenica 8, nuovamente in casa contro la Vis Reggio Calabria.

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo

Bollettino medico relativo alla prima squadra

verderosa-Marco Verderosa
 
ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio dx con interessamento del legamento collaterale esterno, dovra' osservare quattro settimane di riposo medico durante il quale verranno condotti altri accertamenti diagnostici.


-Sergio Mantia

sulla via del recupero sara' disposnibile dalla settimana prossima


-Gianni Trevisano
 

a riposo precauzionale dopo il forte trauma e grande paura di domenica


-Vincenzo Provenzano


2 punti di sutura per taglio al mento. A disposizione del coach da oggi, 3/12
 

 

Coach Avellone: "Potremo fare meglio"

PALERMO. Sconfitta abbastanza pesante per Green Basket Palermo in quel di Cosenza, frutto di una seconda parte di partita non giocata al massimo. Per analizzare le ragioni della sconfitta abbiamo raggiunto Leonardo Avellone, coach dei siciliani.



 
Coach un brutto secondo tempo a Cosenza è costato una sconfitta pesante in termini di scarto, ci racconti la partita.
“

A dire la verità la gara è stata equilibrata fino al terzo quarto, nell’ultimo quarto noi siamo crollati e loro sono venuti fuori ed hanno pienamente meritato la vittoria.
Io credo che noi Sabato e nelle ultime partite siamo stati poco intensi, credo che in fin dei conti questo abbia fatto la differenza, oltre ovviamente, nel caso della partita contro Cosenza, il tasso tecnico maggiore dei nostri avversari.”



 
Ad una sola giornata dal termine del girone d’andata come giudica il vostro campionato?


“Penso che potevamo fare qualcosa in più nonostante affrontiamo la categoria da esordienti, secondo me ci mancano almeno 2 punti in classifica che potevano arrivare.
Proprio per questo io sono convinto che nella seconda parte di stagione potremo fare meglio, visto che molti di noi erano esordienti nella categoria ed ora hanno capito come giocare.”

 

Fonte: 

Davide Gabriele, tuttobasket.net