Serie B News

 

Tutte le notizie riguardanti la prima squadra Green Basket. Guarda anche le videointerviste su Green Basket TV.

Fondamentale vittoria per il Green Basket Palermo

 gianni5

 

Basket Empedocle - Green Basket Palermo 68-72 (16-17, 15-23, 20-20, 17-12)

Basket Empedocle: Guarnaccia 10 (2/3, 2/2), Narbona 2 (1/2), Fiannaca 4 (2/5, 0/1), Giulio Zambito 8 (1/1, 2/4), Jabuer Fathallah 23 (6/11, 3/10), Rotolo 12 (6/13), Di Simone 9 (1/11, 1/5) N.E.: Sgro', Ferrara
Tiri Liberi: 6/10 - Rimbalzi: 31 19+12 (Di Simone 16) - Assist: 13 (Jabuer Fathallah 7) - Cinque Falli: Guarnaccia

Green Basket Palermo: Verderosa 1 (0/3), Trevisano 15 (4/4, 2/5), Forzano 1 (0/1 da tre), Lombardo 17 (3/4, 3/5), Alessandra 4 (2/3, 0/1), Provenzano 4 (2/5, 0/2), Terrasi 14 (6/11), Calo' 8 (1/1, 2/4), Bontempo 8 (4/6, 0/2) N.E.: Lanfranchi

Tiri Liberi: 7/13 - Rimbalzi: 33 27+6 (Provenzano 7) - Assist: 7 (Provenzano, Bontempo 2)

PORTO EMPEDOCLE. Grande vittoria del Green Basket Palermo che espugna il Palamoncada e porta a casa due punti fondamentali in chiave salvezza ed in ottica playoff. Avellone recupera Provenzano e Verderosa ma perde Muratore per un problema alla schiena; dall'altra parte i padroni di casa sono costretti a rinunciare all'infortunato Sgrò. L'avvio di match è abbastanza equilibrato, con gli ospiti chiaramente impegnati a servire il maggior numero di palloni possibili alla propria batteria di lunghi e gli empedoclini pronti a rispondere colpo su colpo guidati dalla sapiente regia di Fathallah. La tattica biancoverde sembra dare i suoi frutti, il Green mette il naso avanti ed allunga nel secondo periodo chiudendo la prima metà di gara in vantaggio di nove punti e con l'inerzia del match a proprio favore. Il buon impatto di Trevisano uscito dalla panchina ed il prezioso lavoro di Terrasi e Lombardo consentono al Green di mantenere il vantaggio ; una bomba di Calò al ventottesimo regala ai biancoverdi il più quattordici e sembra indirizzare definitivamente il match, a questo punto però un break di 7-0 firmato Fathallah rimmette tutto in discussione e si arriva all'inizio della quarta frazione con il risultato ancora a favore degli ospiti, ma con la sensazione che la partita non sia ancora chiusa. Il quarto periodo sembra scivolar via senza grossi sussulti, con gli ospiti sempre in vantaggio ma incapaci di chiudere la partita ed i padroni di casa mai in grado di impensierire seriamente gli avversari. Un paio di canestri di Bontempo mantengono invariato il vantaggio ospite ma a due minuti dalla fine i verdi si bloccano; un paio di palle perse complicano terribilmente la situazione: Porto Empedocle arriva prima a meno sette e poi a meno quattro ma fallisce le triple che avrebbero potuto ulteriormente avvicinarla. Due punti d'oro per i palermitani che aumentano la distanza in classifica sia con Gela che con gli stessi Empedoclini, oltre ad accorciare il gap con chi li precede. Prossimo impegno è previsto domenica 2 febbraio al Paladonbosco contro il forte Cosenza.

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo

Il Green regge l'urto per due quarti, poi cede al quotato Catanzaro

bonti2

 

Green Basket Palermo - Assitur Catanzaro 52-84 (11-17, 16-31, 12-19, 13-17)

Green Basket Palermo: Guastella, Muratore 8 (2/4), Forzano 6 (1/3, 0/5), Mantia, Lombardo 15 (3/3, 2/7), Alessandra 2 (1/2, 0/2), Terrasi 4 (1/3), Calo' 7 (1/6, 1/4), Bontempo 10 (2/7, 2/4) N.E.: Provenzano
Tiri Liberi: 15/18 - Rimbalzi: 28 18+10 (Lombardo 7) - Assist: 9 (Forzano, Terrasi, Calo' 2) - Cinque Falli: Mantia, Terrasi, Calo'

Assitur Catanzaro: Rotundo 10 (1/4, 2/2), Carpanzano 8 (1/4, 2/4), Calabretta 1, Scuderi 15 (3/4, 2/7), Palazzo 2 (0/1 da tre), Sereni 4 (1/3, 0/1), Cossari, Ippolito 21 (5/5, 2/5), Mercurio 4 (0/1, 1/4), Fall 19 (6/9, 0/1)
Tiri Liberi: 23/32 - Rimbalzi: 34 23+11 (Fall 14) - Assist: 14 (Scuderi 7)

PALERMO. Il green non riesce nell'impresa ed esce sconfitto contro il forte Catanzaro, che si prende i due punti e rafforza la seconda posizione in classifica. Il Green è costretto a rininciare agli infortunati Verderosa, Provenzano ( a referto per onor di firma) e Mazza; a questi si aggiungono l'influenzato Lanfranchi e lo squalificato Trevisano. L'assitur Catanzaro arriva a Palermo senza Cattani ma con il nuovo arrivo Ippolito. La partenza lascia ben sperare con un 5-0 per i biancoverdi firmato da una bomba di Lombardo e da una penetrazione di Bontempo; la reazione ospite però non si fa attendere e il break che ne deriva porta gli ospiti sul 14-5. L'opportuna sospensione chiamata da coach Avellone sveglia i biancoverdi che recuperano punto su punto e ribaltano la situazione portandosi in vamtaggio sul 19-18; unica nota negativa riguarda la sbilanciata situazione falli delle due squadre, purtroppo sarà solo l'inizio. Dalla metà del secondo parziale infatti si assiste ad un massacro: vengono sanzionati contatti minimi da una parte mentre dall'altra si chiude più di un occhio. Il terzo ed il quarto periodo iniziano scientificamente con una proporzione falli di 5-0, alla fine il computo totale sarà di ventotto falli a quindici con gli ospiti che andranno in lunetta trentadue volte contro le diciotto degli avversari. Risulta difficile commentare tutto questo ma una riflessione sembra comunque opportuna: è vero che la squadra non attraversa sicuramente un momento brillante e non si cercano giustificazioni, è giusto assumersi le proprie responsabilità anche e soprattutto dopo sconfitte come questa, ma è  altrettanto vero che il trattamento riservato al Green nelle ultime settimane è quantomeno discutibile; dopo ogni partita ci si ritrova ad analizzare partite con uno squilibrio in termini di falli, sanzioni e liberi tirati che onestamente lascia alquanto sconcertati. Prossimo appuntamento per Provenzano e compagni è previsto per sabato 25, in trasferta, contro l'insidioso Porto Empedocle.

 

Ufficio Stampa Green Basket Palermo

Colpo Green Basket, preso Lombardo

foto

Il Green Basket Palermo comunica l'ingaggio di Giuseppe Lombardo, ala forte proveniente dalla Nertos Cosenza. In precedenza Lombardo ha vestito le magli di Molfetta, Benevento e Pescara. "Abbiamo saputo per primi che Lombardo aveva lasciato Cosenza e con tempestività abbiamo concluso un accordo molto importante. Giuseppe è un top player ed a dire il vero uno dei giocatori che più ci ha impressionato, siamo molto contenti che lui ci abbia scelto e sono convinto che insieme faremo ottime cose a partire da quest'anno per continuare il prossimo"; queste le parole con le quali il presidente Mantia ha spiegato l'ingaggio di Lombardo. Con la speranza che possa dare una grossa mano ai colori bianco verdi, facciamo a "Peppone" un grosso in bocca al lupo.

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo

Green sconfitto nel derby

foto

Green Basket Palermo - Nuova Aquila Palermo 46-71 (7-22, 8-14, 15-24, 16-11)

Green Basket Palermo: Verderosa, Trevisano 2 (1/4, 0/2), Forzano 7 (3/4), Lanfranchi 2 (1/1), Lombardo 10 (2/5, 1/6), Alessandra 2 (1/4, 0/1), Provenzano 4 (2/7, 0/4), Terrasi 8 (3/6), Calo' 7 (2/4, 0/4), Bontempo 4 (2/5, 0/3)
Tiri Liberi: 9/14 - Rimbalzi: 40 28+12 (Terrasi 9) - Assist: 8 (Lombardo, Bontempo 2) - Cinque Falli: Terrasi

Nuova Aquila Palermo: Tupputi 6 (0/2, 2/3), Cozzoli 9 (0/3, 3/8), Ranalli, Gottini 16 (2/4, 4/7), Tagliareni D. 2 (0/3), Enrique Andre' 6 (2/2, 0/1), Cuccia 16 (6/9, 1/1), Tagliabue 6 (1/4), Tagliareni V. 6 (1/2, 1/2), Dragna 4 (0/3, 0/2)
Allenatore:Torriero
Tiri Liberi: 14/22 - Rimbalzi: 33 25+8 (Tagliabue 9) - Assist: 15 (Cuccia 5)

PALERMO. Va all'aquila il derby di Palermo. In un Paladonbosco gremito in ogni ordine di posto, un Green poco concreto cede le armi agli avversari, spietati nell'approfittare delle disattenzioni biancoverdi. Il nuovo acquisto Lombardo parte dalla panchina e il quintetto dei padroni di casa è quello abituale: Bontempo in cabina di regia, Calò e Provenzano esterni, Terrasi e Trevisano sotto le plance. Gli ospiti rispondono con Cuccia, Gottini e Cozzoli sugli esterni, Andrè e Tagliabue a muoversi da lunghi. L'inizio è tutto di marca biancorossa, con Gottini che segna a ripetizione ed i padroni di casa incapaci di organizzare azioni d'attacco efficaci: logica conseguenza sono i quindici punti di vantaggio a fine primo quarto. La sterilità offensiva del Green contraddistingue anche il secondo parziale: se in difesa si riescono a limitare i danni contro le varie bocche da fuoco avversarie, nella fase offensiva non si riescono a trovare soluzioni che possano permettere di restare a contatto. Terzo e quarto periodo scivolano via sulla falsa riga dei primi due, il Green lotta ma non riesce mai ad avvicinarsi ai forti avversari. Un applauso al meraviglioso pubblico di casa che ha sostenuto ed  incitato la squadra dal primo all'ultimo minuto; uniche note negative sono state un ingiustificato nervosismo nel finale di partita con Trevisano espulso per un brutto fallo di reazione ed una vigliacca aggressione all'esterno del palazzetto al giovane tifoso Green Alessandro Mantia, al quale va tutta la nostra solidarietà. Prossimo appuntamento è previsto per domenica 19, sempre al paladonbosco, contro l'altra capolista Catanzaro.

 

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo

Arbitraggio scandaloso, Green sconfitto

sonnyBasket Acireale - Green Basket Palermo 88-70
(8-17, 22-19, 28-9, 30-25)


Basket Acireale: Marzo P. 6 (1/2, 0/3), Arena 2, Moretti 19 (3/5, 2/8), Lofaro 9 (2/6, 1/1), Arcidiacono 7 (2/3), Santonocito 2 (1/3, 0/1), Russo 17 (7/12), Marzo A. 4 (0/5, 0/1), Abramo 13 (2/4, 1/2), Persano 9 (3/3)
Tiri Liberi: 34/44 - Rimbalzi: 38 27+11 (Russo 14) - Assist: 7 (Marzo P., Arena 3)

Green Basket Palermo: Guastella 4 (2/3), Trevisano 11 (3/5, 0/2), Forzano 20 (5/8, 3/4), Lanfranchi, Alessandra 4 (2/4, 0/1), Provenzano 6 (3/3, 0/1), scancarello 1 (0/1 da tre), Terrasi 5 (1/6), Calo' 12 (3/5, 1/5), Bontempo 7 (2/9, 1/1)
Tiri Liberi: 13/26 - Rimbalzi: 36 27+9 (Provenzano 10) - Assist: 2 (Alessandra, Calo' 1)

 

ACIREALE. Inizia male il 2014 per il Green Basket Palermo, sconfitto dal Basket Acireale nella quarta giornata di ritorno del girone G del campionato DNC. Una piccola premessa è necessaria a qualunque tipo di analisi: i protagonisti all'interno del rettangolo di gioco dovrebbero essere dieci, non dodici. Ci sarebbero da raccontare due partite: la prima relativa ai primi due quarti, dove il Green ha mostrato il suo lato migliore esprimendo forse la migliore pallacanestro della propria stagione; la seconda relativa alle ultime due frazioni di gioco dove i ragazzi di coach Avellone hanno perso la testa, oltre alla partita, smettendo di giocare e regalando la gara agli avversari e lasciandosi condizionare eccessivamente dai numeri  della sontuosa coppia arbitrale. Ma andiamo con ordine: i verdi partono con Bontempo in cabina di regia, Calò ed Alessandra guardie, Provenzano e Trevisano sotto i tabelloni; solito quintetto per gli acesi guidati da Marzo, Moretti e Russo. Il primo quarto è tutto di marca ospite: la difesa è aggressiva e l'attacco gira a meraviglia con Trevisano, Forzano ed Alessandra efficaci nel  bucare la retina avversaria; unica pecca la smisurata quantità di falli fischiati dai signori Ferraro e Massari che costringono il coach bianco-verde a cambiare continuamente quintetto. La seconda frazione prosegue sulla falsa riga della prima: i padroni di casa reagiscono ma il Green tiene botta, soprattutto grazie alla vena realizzativa di Forzano. Si va all'intervallo lungo con gli ospiti in vantaggio di sei lunghezze. Nella terza frazione comincia il vero show dei "grigi" che cominciano a fischiare scientificamente a senso unico; oltre ai palesi errori tecnici colpisce l'atteggiamento presuntuoso, provocatorio e indisponente della coppia: è possibile che ad ogni frazione di gioco la squadra ospite sia in bonus falli già al quarto minuto? E' possibile che la squadra di casa sia andata in lunetta quarantaquattro volte (!!!!!) contro le ventisei, di cui dieci solo nell'ultimo quarto (palese tentativo di compensazione), della squadra avversaria? E' possibile minacciare un giocatore di tecnico per simulazione dandogli fallo a favore? Può un arbitro ritenere  di avere la possibilità di rivolgersi ad un giocatore utilizzando frasi tipo: "come ca**o giochi"? Ciò che ne deriva sono i ventotto punti acesi nel terzo quarto e il crollo dei Palermitani. L'assegnazione di quattro falli tecnici conditi da tre espulsioni chiudono una gara che lascia l'amaro in bocca. Se è vero che anche nei momenti difficili bisognerebbe mantenere la lucidità mentale e concentrarsi unicamente sulla partita, è altrettanto vero che quanto visto ad Acireale spinge ad essere malpensanti: riuscire a mantenere i nervi saldi sarebbe stato difficile per chiunque. Il terzo parziale si chiude con i padroni di casa sopra di tredici punti e con l'inerzia del match completamente a favore. L'ultimo quarto è difficile da analizzare perché pesantemente segnato da quanto successo nel precedente: rassicurati  dal vantaggio conseguito gli acesi giocano sul velluto, il Green tiene botta ma ormai la partita è segnata.  Prossimo appuntamento per la società del presidente Mantia è il derby con l'aquila, previsto per domenica dodici alle ore diciotto al Paladonbosco.  

 

Ufficio stampa Green Basket Palermo