WhatsApp Image 2018-01-28 at 20.38.16

Quarantotto giorni dopo, con tutta la grinta e la rabbia in corpo, il PalaMangano torna ad esultare: il Green Basket batte Iseo Serrature 74-64, una vittoria fondamentale che restituisce fiducia e riapre il discorso salvezza per i palermitani.

Sensazioni da ultima spiaggia, tensione alle stelle da entrambe le parti: è questo il leitmotiv che avvolge il PalaMangano in un avvio più che contratto. La sblocca Caversazio dalla lunetta, risponde Gullo dalla distanza. Giuseppe Lombardo propizia il primo vero allungo per i locali, 13-8 dopo 5', Alto Sebino risponde e resta comunque in scia. Serve una bomba di Montanari per rompere gli equilibri, 16-14 alla prima sirena.

Squadre sempre a contatto anche dopo il primo mini-break: Conte per gli ospiti brucia la retina dai 6,75, Venturelli costruisce per sé e dispensa per i compagni, allargando la forbice fino al +10 a metà quarto. Un leggero passaggio a vuoto complica però la situazione per i padroni di casa, con Iseo che rientra grazie alle giocate di Mazic. Il Green tiene botta chiudendo avanti anche il secondo periodo, 35-30 all'intervallo lungo.

Al rientro Alto Sebino sembra aver trovato le chiavi per aprire la difesa avversaria, il Green tentenna, complice una serata da luna storta in attacco: è Caversazio a trovare i punti del momentaneo vantaggio, i palermitani però non si perdono d'animo e ritrovano ritmo. Venturelli restituisce l'ossigeno necessario con un paio di fruttuose gite in lunetta, che valgono il 48-50 a 10' dalla fine.

Partita che scivola sugli stessi binari con cui era iniziata, equilibrio ed evidente necessità di portare a casa i due punti da ambo i lati: il Green sembra avere più benzina in corpo e dopo minuti di lotta ritrova il vantaggio a 7' dalla fine, 54-53 su appoggio di Cecchetti. E' questa la scintilla che serviva per ritrovare fiducia. La musica cambia, silenziosamente il Green mette a referto punti fondamentali, come quelli di Montanari, freddissimo dall'arco, per +7 a 5' dalla fine. Vantaggio che resta immutato fino alla fine, protetto con le unghie e con i denti dai biancoverdi: troppo alta la posta in palio per lasciarsela scappare, troppa la fame per restare a secco di punti. Il PalaMangano può così esplodere di gioia, 74-64 il risultato definitivo, e ritornare a vedere la luce dopo settimane di sofferenza.

Green Basket - Iseo Serrature 74-64

Green Basket Palermo: Michele Venturelli 26 (5/9, 2/7), Giuseppe Lombardo 12 (0/3, 3/4), Daro Gullo 10 (1/6, 2/4), Alessandro Cecchetti 10 (3/9, 0/0), Luca Montanari 10 (2/2, 2/5), Raphael max Strotz 4 (2/5, 0/0), Andrea Lombardo 2 (1/2, 0/3), Francesco Genovese 0 (0/1, 0/0), Giordano Chakir 0 (0/0, 0/0), Giorgio Biondo 0 (0/0, 0/0). All. Marco Verderosa. Ass. Giacomo Genovese.
Tiri liberi: 19 / 23 - Rimbalzi: 33 5 + 28 (Alessandro Cecchetti 7) - Assist: 17 (Daro Gullo 5)
Iseo Serrature Costa Volpino: Edoardo Caversazio 18 (4/8, 1/4), Gianmarco Conte 15 (3/5, 2/7), Armin Mazic 12 (1/3, 2/5), Francesco Gorreri 9 (1/4, 1/6), Alessio Sabbadini 4 (0/1, 0/6), Manuel Di meco 4 (2/3, 0/0), Mattia Coltro 2 (1/2, 0/1), Tommaso Franco 0 (0/0, 0/1), Gabriele Zambonin 0 (0/0, 0/0), Marco Borghetti 0 (0/0, 0/0). All. Massimo Giubertoni. Ass. Andrea Gervasoni Romele.
Tiri liberi: 22 / 29 - Rimbalzi: 37 7 + 30 (Armin Mazic 12) - Assist: 16 (Armin Mazic 9).
 
 
NOTE
Parziali:16-14; 19-16 (35-30); 13-20 (48-50); 26-14 (74-64).
Falli: Green 25 - Iseo Serrature 26
Usciti per falli: A. Lombardo, G. Lombardo (Green), Gorreri (Iseo Serrature)
Ufficio Stampa Green Basket