DSC5233

La grande festa, poi il riposo dei guerrieri, ora il ritorno a sudare e faticare. Il Green Basket è tornato questa settimana al lavoro, dopo una pausa di nove giorni per smaltire le tossine dei Playoff di C Silver.

Dopo la vittoria con Ragusa, il Green s'era concesso un po' di meritato stop: terapie per gli infortunati, riposo e ritorno a casa per le vacanze di Pasqua per il gruppo di "forestieri", qualche occasione per festeggiare (come la serata Green che mercoledì 12 ha visto gruppo Serie C e GM assieme, per guardare una partita di A2 femminile e poi scherzare davanti a una buona pizza). Il necessario per staccare un momento testa e corpo, dopo un mese di grande stress fisico e psicologico.

Martedì 18 aprile il ritorno al lavoro al PalaMangano, sotto gli occhi della società al gran completo e la guida tecnica di coach Marco Verderosa affiancata come al solito dal vice Roberto Muratore. Una settimana in cui l'allenatore ha ritrovato diversi acciaccati e ha potuto pensare al lavoro in allenamento, che coi ritmi serrati dei Playoff e qualche problema fisico di troppo è un po' mancato nell'ultimo mese. Ecco come coach Verderosa commenta le ultime quattro-cinque sedute d'allenamento: «È stata una settimana intensa, dedicata sicuramente al recupero fisico tra PalaMangano e TC2, struttura in cui i ragazzi fanno palestra da tutto l’anno. Un lavoro coordinato con la pallacanestro. Buone risposte da tutti, la settimana di vacanza ha fatto bene, venivamo da un periodo molto duro. Tanto che la cosa positiva è aver avuto il tempo di allenarsi, cosa che negli ultimi due mesi non c’è stata. Sono soddisfatto, abbiamo lavorato bene, ora vedremo di lavorare sul nostro gioco. Vorrei sottolineare che mercoledì abbiamo fatto un ottimo allenamento attingendo anche ad alcuni ragazzi della Serie D, che ringraziamo per la disponibilità dimostrata». E sui programmi futuri il coach è chiaro: «Puntiamo a recuperare chi è più indietro nella condizione, vorremmo anche disputare un’amichevole a breve, aspettiamo notizie. Così come aspettiamo di conoscere tutte le nostre avversarie: la seconda fase è molto equilibrata, chi uscirà dalle Marche e dallo spareggio darà battaglia, sarà molto importante vincere bene in casa e cercare di fare qualche sgambetto fuori casa, il calendario tra l’altro in questo senso è buono». Il calendario, appunto: la società è oggi in possesso di una bozza provvisoria, in attesa della definizione delle avversarie. Secondo la bozza il 7 maggio si dovrebbe iniziare fuori casa, nelle Marche; poi due impegni in casa (Cerignola e vincente spareggio Umbria/Calabria); in seguito partita in trasferta con la vincente dello spareggio Umbria/Calabria; infine una giornata in casa (Marche) e la chiusura della Fase Nazionale a Cerignola per l'ultima giornata.

L'unica avversaria certa oggi è l'Udas Cerignola, per le altre bisognerà aspettare ancora questo fine settimana. Sull'Udas è abbastanza chiaro Mirko Gentili, quando gli viene chiesto delle prossime avversarie: «Abbiamo iniziato a vedere qualche squadra, anche se sapremo di certo tutte le avversarie domenica prossima con la fine di tutti i campionati regionali. Cerignola è l’unica certezza ad oggi, è una squadra fortissima che in Puglia ha perso soltanto due volte, noi comunque ci stiamo preparando al meglio al 7 maggio che è l’appuntamento prefissato». La guardia di Ostia parla così del riposo concesso dalla società, dopo gli straordinari di una serie finale che ha giocato con qualche linea di febbre nei primi episodi ma che ha comunque chiuso bene con 19 punti nella decisiva Gara3: «La settimana di riposo ce la siamo meritata, non è stato facile, vincere non è mai facile. Era l’obiettivo che c’eravamo prefissati a inizio anno, ma per come erano andate le cose non era così scontato. Questa settimana ci è servita per riprenderci dagli infortuni, eravamo arrivati acciaccati ai Playoff, tanto che giocavamo soltanto e ci allenavamo pochissimo. Questo break ci è servito per ricaricare le pile, in questi giorni abbiamo fatto una mini-preparazione atletica e siamo pronti a prepararci al meglio».

Lavoro a pieno regime dunque, a sedici giorni dall'inizio della fase nazionale. Settimana piena con sedute oggi e domani, poi si riprenderà lunedì. Il Green c'è ed è pronto ad affilare gli artigli per sei partite da giocare sino all'ultimo respiro.

Ufficio Stampa Green Basket